Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri/ramarrial/home/wp-settings.php on line 512

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri/ramarrial/home/wp-settings.php on line 527

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri/ramarrial/home/wp-settings.php on line 534

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri/ramarrial/home/wp-settings.php on line 570

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri/ramarrial/home/wp-includes/cache.php on line 103

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri/ramarrial/home/wp-includes/query.php on line 61

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri/ramarrial/home/wp-includes/theme.php on line 1109
Gruppo Alpinistico Ramarri
Torna sù
11.10.2009

Ecco la sezione di Matt Hunter contenuta nel video Seasons, prodotto da The Collective. Questo spezzone racconta meglio di mille parole cos’è il Freeride e qual’è la sua filosofia…
No clock, no road, no stress… Only ridin’ fun!

23 agosto 2009.

Siamo due vecchi catorci. Io con una leggera tendinite alla mano sinistra appena guarita vado sul Caporal, cado e quasi mi rompo un piede: ospedale, radiografia, due settimane di stampelle e stecche fino a metà polpaccio. Ovviamente me ne frego, perché le stampelle nemmeno ce le ho, e quindi non le uso, dopo cinque giorni mi tolgo da solo stecche e bende (”mi raccomando, torni per la T.A.C.!”) e a una settimana di distanza dal trauma già voglio arrampicare. Naturalmente sono zoppo e il piede è dolorante, non poco, cosa credete. E arriviamo a questo 23 agosto dell’anno di grazia 2009, con i medici che si chiederanno dov’è finito il sig. Lombardi.

Luca invece è grasso come un maiale, come quelli che si è mangiato in due settimane di bisboccia. A a nulla gli sono valse le sedute di deep water soloing al fiume, polenta e cinchiale sono una brutta bestia da domare (i suoi lombi mi siano testimoni). Nemmeno l’eroico beach volley o il più rilassante calcio balilla gli hanno giovato; infatti ha rimediato, oltre ai chili di troppo, un bel risentimeno muscolare a deltoide e bicipite brachiale destro. Insomma, quasi non muove il braccio. Io non credo minimamente al suo racconto e mi esercito in illazioni maliziose circa i suoi dolori. Luca nega risolutamente, ma ribatto che i numi vedono tutto e tutto conoscono. Comunque, chi se ne frega, abbiamo entrambi una voglia astinenziale di arrampicare.

Il 23 agosto dicevo. Ecco, il nostro fisico versa in questa situazione pietosa, per cui si pone il problema: dove andare? Decidiamo per qualcosa di molto “easy”, tipo monotiri, tipo massimo 6a, tipo mare, tipo Finale, tipo che un po’ si arrampica un po’ si fa il bagno. Tipo che finiremo per fare solo il bagno, ok, ma questo nessuno ha il coraggio di ammetterlo.

- Va bene, ma Finale dove?
- Esposti a nord o a est, altrimenti crepiamo. Aspetta che cerco.

Cerca, cerca, cerca …

- Maledette falesie, tutte esposte a sud o a ovest. No aspetta, guarda un po’ Capo Noli, settore Nolitudine, va in ombra dalla tarda mattinata. E poi, guarda guarda, guarda cosa dice la guida “Posto particolarmente frequentato da climber stranieri, in particolare tedeschi, attratti da queste rocce mediterranee a picco sul mare ecc…”.

Mi fermo, ormai abbiamo tutti gli elementi che ci servono. Facciamo due più due: climber stranieri + mare uguale biondone arrapanti in bikini in cerca di rudi alpinisti mediterranei + bagno tutti insieme uguale … va be’, mi fermo qui, dopo tutto questo è un sito serio.

Arriviamo a Capo Noli, rinomata località dagli ampi parcheggi. La fortuna ci bacia, perché alle dieci e mezza del mattino di una domenica di agosto, riusciamo a ficcare la Panda tra due macchine, addossandoci alla scogliera e rigorosamente in un tratto con divieto di sosta e di fermata. Probabilmente è l’unico posto libero di tutta la Riviera, quel giorno e a quell’ora.

Davanti a noi scorgiamo una macchina inequivocabilmente transalpina, piena zeppa di chiome bionde. Sì, ma di dove? Luca dice Svizzera, l’ha visto sulla targa.

- Ok, ma Svizzera non vuol dire niente, sono un’accozzaglia di razze, Luca, voglio il cantone.
- E chi lo sa, mica conosco le targhe svizzere come te!
- C’era mica scritto UR o OW? Dimmi di no, eh, perché altrimenti vuol dire che sono dell’Uri o dell’Untervaldo.
- E allora?
- E allora?! La più bella potrebbe avere le fattezze del nonno di Heidi!
- O Cristo!

Fortunamente Luca le targhe svizzere non sa nemmeno da che parte sono girate; infatti la macchina si rivela essere austriaca. Bene, siamo salvi, Austria felix, un nome, una garanzia.

Ci mettiamo al lavoro: scendiamo con fare marpionesco e iniziamo la vestizione. Anzi, la svestizione, dopo due secondi siamo già a torso nudo a fare i gigioni con chiodi, friend, martelli, caschi. Tutte cose fuori luogo, ovviamente. Luca se le era dimenticate in uno zaino, comunque tutto serve alla causa.

Nel frattempo, dalla macchina delle Austriache escono due gran … no, non lo posso dire, immaginatelo. Due gran, gran… quella cosa lì. In costume. Insomma, un sogno.

- Giacomo, ci guardano
- Chi?
- Come chi? Le Svizzere, no!
- Sono austriache.
- Oh! Svizzere, Austriache, Canadesi, ma sì… le bionde!

Ci guardano proprio con insistenza. Ci gasiamo oltremodo e rallentiamo ogni gesto, perché ormai siamo quasi pronti per partire. Meditiamo come attaccare bottone. Purtroppo però è già tardi e occorre andare. Decidiamo di vedere almeno l’avvicinamento e poi tornare indietro a prenderle.

Infatti, a causa di una frana la strada in quel tratto è strettissima e ridotta ad una sola corsia, con un semaforo che regola perciò il transito alternato. Ai lati hanno chiuso l’unico tratto, a destra, dove un pedone può passare, e siamo quindi preoccupati di non poter raggiungere il terrazzino roccioso da cui calarci in doppia lungo la scogliera e iniziare l’avvicinamento..

Sono stati diligenti, c’è perfino il filo spinato, perché il lato della strada che dà sul mare sta franando. L’unica possibilità è sfruttare il momento morto tra un semaforo e l’altro, quando si inverte il senso di marcia dei veicoli: abbiamo pochi secondi senza macchine per percorrere circa centocinquanta metri da suicidio, dopo i quali possiamo considerarci salvi. Sul momento rinunciamo e decidiamo di non rischiare e di andare al settore Pilastri, dopo Capo Noli.

Tornati alla macchina, mettiamo in moto e vediamo che le pseudo-Svizzere stanno armeggiando chine sul baule della macchina e ci mostrano così il loro profilo migliore. Passiamo di fianco a loro lentissimamente e… cosa vediamo? Cosa vediamo? Si stanno mettendo un imbrago! No, non abbiamo mai incontrato le favolose “biondone arrampicatrici” e adesso, adesso che possiamo godere di queste creature mitologiche, ce le lasciamo sfuggire così?
Ci lanciamo all’unisono in un’acutissima imprecazione che, da sola, può benissimo valerci l’inferno. Non possiamo girare la macchina, gli altri veicoli incalzano da dietro, dobbiamo fare almeno quattro chilometri prima di poter fare inversione.

- Vai, Luca, vai!

Ci siamo girati e tiriamo la macchina al limite per recuperare le pseudo-Svizzere. Corriamo contro il tempo, le biondone austriache non devono sfuggirci. Invece, quando giungiamo nuovamente sul luogo, il nostro sogno è svanito, le pseudo-Svizzere se ne sono andate. E il parcheggio pure.

Ci sentiamo idioti, abbiamo perso bionde e parcheggio con una sola mossa. Che bravi!

- Ragioniamo, non possono essere lontane, da qui possono essere solo andate a Nolitudine
- Vero! Andiamo a Nolitudine, di corsa, prima che sia troppo tardi!

Non so come, ma riusciamo a trovare un altro posto clandestino per la nostra Panda. Rapidi come faine corriamo verso il semaforo e, sfidando i numi celesti, ci lanciamo in quei centocinquanta metri folli, col rischio di essere investiti dalle macchine. Ma siamo troppo risoluti a voler salvare capra e cavoli, pardon, parcheggio e bionde.

Arriviamo al terrazzino roccioso dopo la galleria e delle pseudo-Svizzere nemmeno l’ombra. Guardiamo giù dalla scogliera: niente. Notiamo che i cantonieri hanno persino distrutto la sosta di calata, quindi …. non ci si può calare. Insomma, sono sparite, volatilizzate.

- Dai, non disperare, laggiù ci sarà sicuramente il pienone. Evviva l’Impero Austro-ungarico!
- Ma se hanno tolto la sosta di calata, come ci arriviamo?

Ci guardiamo intorno e, a tempo, fissiamo lo sguardo sul guard rail dietro di noi: soluzione trovata, che bello intendersi! In men che non si dica leghiamo una corda, pronta per farci arrivare dritti dritti sulla cengia, prima del lungo traverso verso le vie attrezzate e, mentre gli automobilisti guardano allibiti questi due marziani suicidi, ci buttiamo giù in doppia.

Insomma, la faccio breve: di biondone nemmeno l’ombra, c’era solo una coppia di austriaci, ragazzo e ragazza, tanto gnocca lei (oops! l’ho detto…) quanto sfigato lui. Come al solito, no? Ci consoliamo col fatto che queste tremende ingiustizie sociali non sono esclusivo appannaggio italico, ma si sono ormai estese a tutto il globo terracqueo.

Ed ora, dopo questo lungo e romanzesco preambolo, veniamo alla parte tecnica: una bella relazione di Capo Noli….
Vi piacerebbe, eh? Scherzetto! Ma scusate, pensate davvero che dopo la visione celeste delle sublimi bionde teutoniche, nonché bikinate, un essere umano normale conservi la voglia di arrampicare, per di più in compagnia di una delle sopracitate biondone, quest’ultima completamente inaccessibile? Che smacco!

Insomma, abbiamo fatto due tiri, dopo i quali io non stavo in piedi dal male e Luca non si sentiva più il braccio.Ci siamo buttati tra le onde e l’abbiamo chiusa lì, mentre una statua della Madonna, incastrata tra le rocce, almeno lei comprensiva, assisteva ai nostri mugugni.

Ce la faranno i nostri eroi a conquistare le evanescenti bionde? Cari telespettatori, lo scoprirete nella prossima puntata…

26.08.2009

Un problema con i commenti: help!

di Giacomo F. Lombardi

Mi è stato segnalato un problema da parte di chi vuole scrivere un commento ad un articolo. Non ci si riesce per il comparire di un messaggio di errore: “Anti-spam word”, quando, ovviamente, non si tratta di spam.

Questo problema sorge solo per gli utenti anonimi, ovvero quelli che non hanno nome utente e password, insomma quelli che non scrivono sul blog.

Allora devo chiedere una cortesia a voi lettori. Potreste scrivere un commento di prova, anche un semplice “bla bla” va bene, solo per verificare che i commenti funzionino? Nel caso aveste problemi, potreste segnalarmelo sul Guestbook (è sulla sidebar a destra, fatela scorrere e lo troverete)?

Grazie per la collaborazione e, come al solito, buone arrampicate.

22.08.2009

Un pellegrinaggio all’inferno

di Giacomo F. Lombardi

ORIGINARIAMENTE PUBBLICATO SU lacroda.blogspot.com il 18 ottobre 2008

Tirava vento e faceva freddo. Era un giorno di fine inverno, se non ricordo male, ed io ero poco più di un ragazzino in compagnia di altri attempati signori prossimi ai sessanta. Era la prima volta che arrampicavo a Gavi; anzi, era una delle prime che arrampicavo tout court: sapevo fare un paio di nodi e basta.

Non credevo che a Gavi si potesse arrampicare, poiché fino ad allora quel paese, insieme a Voltaggio, era solo il punto di riferimento dei miei giri in bicicletta; all’andata sapevo che di lì incominciavano le salite: Capanne di Marcarolo, Piani di Praglia e via le altre montagne; al ritorno mi fermavo sempre a fare l’ultima bevuta alla fontana in piazza. Poi, filato verso la pastasciutta della nonna. Quel giorno ho scoperto che avevo una falesia dietro casa. Si tratta di una scogliera di arenaria, non tanto alta in verità, ma che spesso piega in strampiombo con vie fino all’8a+. Nulla di impressionante, ma all’epoca gattonavo sul 5b e mi misi a contare la distanza che mi separava da quei livelli: 5c, 6a, 6b, 6c…mi sentivo una pulce e quando poi mi fecero sapere che esiste anche il 9a e, forse, il 9b, smisi di contare e incominciai a considerare che il VI grado con le corde di canapa e gli scarponi di cuoio esiteva oramai solo nei racconti di mio padre. Non vedevo l’ora di poterlo sconvolgere con gli aggiornamenti appena scoperti.

-Fidati delle scarpette! capito?

Ho dimenticato quante volte mi è stata urlata questa frase quel giorno.

- Fidati della roccia!

Fidarsi, una bella parola, con quella maledetta arenaria che si sgretolava solo con lo sguardo, patinata da un simpatico velo di rena. Tornai a casa un poco deluso, avrei desiderato qualsiasi cosa tranne quelle placche sabbiose e tutte bucherellate dall’erosione. Ma non sapevo che Gavi sarebbe diventato, per una serie di vari motivi, uno dei miei luoghi del cuore.

È vero, la roccia di Gavi consuma le corde, lima la suola delle scarpette, se la percuoti suona a morto e ogni tanto qualche spit si muove, d’estate è una fornace e ci sono zecche, lucertole e scorpioni, d’inverno è un frigorifero, con la nebbia diventa umida e scivolosa, con la pioggia un pastone di fango. Quest’estate mi sono sentito dare del folle, e a ragione, perché ogni volta che tornavo a casa da Gavi passavo un buon quarto d’ora di spidocchiamento prima della doccia: non c’era giornata in cui non dovessi togliermi una zecca dalle gambe. A questa pratica seguiva la consueta disinfezione delle dita lacerate dai buchi taglienti e dalla sabbia, caustica: a casa mia i flaconi di Mercurocromo non durano più di sei mesi. Sembra le descrizione dell’inferno, ma senza quell’inferno non riesco più a vivere. E d’inverno, le domeniche la gente va a messa. Io no: quando il tempo è incerto non m’arrischio sulle Alpi, così prendo la macchina e in venti minuti sono alla falesia di Gavi. Quante volte il lontano riverbero delle campane domenicali mi ha fatto compagnia, quasi segno di un rimprovero! Ma Gavi è uno dei miei riti, il mio santuario pagano ove posso, e lì soltanto, ricevere offerte di merenda sinoira da personaggi surreali e riprendere energie con massicce dosi di barbera tra un tiro e l’altro, un inferno di cui sono affezionato pellegrino.

16.08.2009

La Gallery è in funzione

di Giacomo F. Lombardi

Finalmente la Gallery del sito è stata messa a posto. Prima si trattava solo di un abbozzo. Per carità, anche ora troverete una grafica essenziale e molto semplice, ma tutto è ormai pienamente funzionante: potete fare commenti, sfogliare gli album fotografici e così via.

Solo una cosa manca: le vostre foto. Ramarri, sotto con gli scatti!

Se avete foto da mandare (mi raccomando, devono essere, per quanto possibile, originali e belle, quindi: no immagini mosse/sfocate/male esposte ecc…) inviatemele per email ed io provvederò a fornirvi un nome utente e una password per caricare, in seguito, direttamente sulla Gallery.

A presto,

Giacomo.

12.08.2009

Arrampicare è anche questo…

di Giacomo F. Lombardi

11 agosto 2009
Caporal, Valle dell’Orco: il nostro campo base.

Giacomo F. Lombardi prepara il sugo per la pasta.

Foto: Luca Gai

09.08.2009

Addio, Riccardo

di Giacomo F. Lombardi

Riccardo Cassin

(San Vito al Tagliamento, 2 gennaio 1909 – Lecco, 6 agosto 2009)

08.08.2009

Un estratto del film “The sharp end”, proiettato al 57° Filmfestival di Trento, che ritrae l’artificialista Ammon McNeely.

25 luglio 2009

La nostra Ford Fiesta corre verso Ovest, inseguendo il sole che sta per tramontare. I soliti discorsi cercano di distrarci dall’afa della pianura vercellese e dalla noia di uno stradone anonimo che ci condurrà ad Ivrea, da cui prenderemo la strada per Cuorgnè, Locana, Noasca. Obiettivo: il Caporal, Valle dell’Orco.

Stasera siamo proiettati sul domani più del solito, perché ci attende qualcosa di nuovo, la nostra prima via di artificiale: Via della Rivoluzione, 150m, ED-, 6b, A2+.

Ci parliamo, solleviamo dubbi sui due tiri centrali di artificiale: A2, A2+, c’è chi dice A3. Nulla di estremo, anche perché si tratta di gradi nella vecchia scala (dovrebbero corrispondere ad un A1+ nella scala new age), anzi, i veterani dell’artificiale considerano questa via, per quanto da non sottovalutare, come “ideale per passare una piacevole giornata in mezzo alla natura” (Valerio Folco). Ne siamo consapevoli, ma l’ignoto solletica sempre qualche timore. E sappiamo anche che Folco è uno dei migliori artificialisti, quindi calibriamo la sua dichiarazione sulle nostre capacità.

Per questo io e Luca adottiamo sempre la politica piemontese dell’esageruma nen, ma stasera mi accorgo di essere meno piemontese di lui e continuo a tranquillizzarlo, quasi a provocarlo. Luca non è convinto del tutto, così gli dico di non preoccuparsi, che l’A3 si fa benissimo, che comunque io ho già una piccola esperienza di artificiale a Bismantova (cosa falsa, ovviamente), ma so comunque che anche Luca sta morendo dalla voglia di appendersi ai cliff e che, anche se stasera è più bugia nen del solito, domani mi seguirà ovunque.

All’imbrunire arriviamo alla galleria tra Noasca e Ceresole, da cui usciamo a metà con una virata a sinistra un po’ folle (avete mai visto uscire una macchina da un buco aperto nella parete laterale di una galleria?), e subito piantiamo la tenda e accendiamo i fornelli: dopo mezzo di chilo di pasta al ragù, aggiungendo al sugo una scatola di tonno, compreso l’olio perché fosse più vuncia, ed esserci scolati una bottiglia di dolcetto, andiamo a dormire felici masticando un pezzo di cioccolata, sotto il profilo del Caporal che una debole luna ci permette appena di scorgere.

26 luglio 2009

Di buon mattino mettiamo il naso fuori dalla tenda e la prima immagine ad essere proiettata sulla nostra retina è la mole imponente del Caporal, quasi un modello in scala delle pareti granitiche californiane. Colazione storica, perché riesco a far bere a Luca qualche goccia di tè. Gli fa schifo, ma butta giù. Siamo pronti.

Mentre risaliamo le tracce di sentiero, il volto selvaggio dello scudo del Caporal spunta tra i rami delle piante. Ancora qualche passo, alzo lo sguardo, e tutto d’un tratto appare l’intera parete di fronte a noi. Una meraviglia.

Siamo all’attacco della via, parto, Luca mi incita da sotto. Il primo tiro è un 6b un po’ violento, tutto sommato lo passo bene, i friend e i dadi si fanno mettere senza problemi, eppure non mi sento tranquillo, sono preso dai pensieri per quello che verrà dopo e dai cordoni marci a cui sono appeso in sosta. Decido di rinforzarla con qualcosa di più sano.

Recupero Luca e quando mi raggiunge stiamo un po’ scomodi, con i piedi incastrati sull’unico gradino dei dintorni. Siamo in ritardo sulla tabella di marcia, beviamo, non abbiamo sensazioni positive. Siamo un po’ demoralizzati dal primo tiro, eravamo convinti che fosse un 6a e l’abbiamo preso sotto gamba.

Ora incominciano i tiri di artificiale, dispongo le daisy, le staffe, i cliff e tutta l’attrezzatura in maniera ordinata, l’artificiale richiede ordine e pulizia, altrimenti si è fregati: friend grossi e dadi grossi a destra, roba piccola a sinistra, il tutto ordinato secondo la dimensione; a tracolla rinvii, chiodi, cliff. Per ultimo estraggo il martello e lo butto giù, a penzolare attaccato all’imbrago da un cordino.Bevo ancora una volta, mi assicuro che Luca mi abbia in carico e mi slego dalla sosta. Faccio un respiro profondo e poi parto.

Subito dopo la sosta metto un friend del 3 e mi ci appendo, non mi sento carico, c’è qualcosa che non va, guardo Luca e gli dico:

- Mah, ci provo.
- Vai su, vedi fin dove riesci ad arrivare, al massimo appena pianti un chiodo decente ti calo.

Lo mando mentalmente a quel paese: perché mai dovrei calarmi? No, voglio chiudere il tiro, costi quel che costi, così impara a dirmi di calarmi!

Dopo il friend un micro nut, poi un chiodo, poi ancora nut… dai, Giacomo, stai andando su bene. Ancora qualche metro e qualche nut e arrivo ad un punto da interpretare un po’. Mi appendo ad un solido chiodo, mi volto verso il basso e urlo:

- Luca, mi sono ripreso! L’adrenalina gira di nuovo!

Finalmente la mia mente si è sbloccata. Sì, era quello il problema, la mente, come sempre. Ora che sono in ballo, ho cancellato ogni pensiero, non mi accorgo nemmeno del tempo che passa, del sole o delle nuvole, perché sono entrato in quello stato di trance irripetibile che solo l’arrampicata sa regalare ogni volta.
Riprendo il mio viaggio, felice di fare quello che sto facendo, felice soprattutto di sapere che lo sto facendo bene. Questo tiro è bellissimo, insegue per quasi trenta metri una fessurina chiusa da una piccola scaglia, in cui non entra niente se non micro nut, e chiodi a lama media o sottile, per poi finire sotto un tetto. Tutto attorno un muro liscio di granito rosso, verticalissimo, senza il minimo appiglio: la fessurina è l’unica strada possibile per salire.

La sezione centrale offre qualche salvifico chiodo a pressione in loco, ma per arrivarci devo fare un passo su un cliff precario, messo un po’ di traverso in una fessura diagonale, perché il chiodo a pressione era troppo in altro per poter essere raggiunto.
Dopo l’ultima sezione, un poco più delicata per via di due chiodi che non riesco a piantare come si deve, uno dei quali è conficcato solo per metà ma che fortunatamente ha retto il peso del mio corpo, arrivo in sosta e ululo di piacere, nonostante sia di una scomodità unica: sono appeso sulle staffe.

Luca viene su bene, anche lui all’inizio un po’ timoroso, ma poi sento che trova il suo ritmo, il suo ritmo interiore. Qualche metro prima della sosta aggancia una staffa al chiodo più precario del tiro, quel chiodo sui cui io ho cercato di rimanere appeso il meno possibile, forse qualche secondo appena. Luca pesa poco più di me, forse quei pochi grammi superano il carico limite di quell’ancoraggio: appena prova a caricarci il peso sopra, il chiodo schizza fuori dalla fessura e Luca si trova a penzoloni nel vuoto. Un piccolo spavento, ma non succede niente.

Mi raggiunge in sosta, mi guarda negli occhi ed esclama:

- Cazzo che figata! Che figata!

Gli sorrido in maniera un po’ perfida, come per dire: “Eh, e tu volevi calarmi? Maledetto!”.

Purtroppo non possiamo continuare, Luca ha male ad un tendine e anch’io, appena reduce da un infortunio al dito medio della mano sinistra, non voglio esagerare.

Ci caliamo, abbiamo fatto solo due tiri, ma… che soddisfazione! La soddisfazione più grande finora, sono sincero, nonostante la via non terminata. Anche Luca ha il mio stesso stato d’animo, ci guardiamo e ridiamo come bambini.

Ora non resta che scendere dal sentiero. Arriviamo alla macchina e ci prendiamo il tempo per una merenda leggera prima di partire: fagioli e ceci in padella con mortadella, tonno e formaggio. Una bontà, l’unico neo sono le mosche che ci perseguitano, siamo luridi, forse sappiamo di capra selvatica.

Mentre cerchiamo di digerire e, vanamente, di dissetarci, guardiamo in su, e tutti e due pensiamo la stessa cosa: dobbiamo tornarci, qua, il più presto possibile. Questo posto ci ha stregati.

- Dobbiamo finire la via e farne delle altre, - dico a Luca.
- Sì, - mi risponde - e dobbiamo scrivere la relazione per il sito dei Ramarri!
- Certo, ci torneremo quanto prima Luca, quanto prima. Ma adesso passami due friend che devo fare una foto stupida. -

Testo: Giacomo Francesco Lombardi

Foto: Luca Gai e Giacomo Francesco Lombardi

25.07.2009

Gaston Rébuffat

Un piccolo assaggio del bellissimo film documentario “Entre terre et ciel” vincitore del Gran Premio al Filmfestival di Trento nel 1961, realizzato da Gaston Rébuffat (1921-1985).

Per chi volesse acquistare il film, è venduto in Italia da Vivalda editori (guardate questa pagina). Purtroppo risulta attualmente esaurito, ma poiché è un classico, non penso sia difficile trovarlo in biblioteca o in qualche mercatino dell’usato.

Cari ramarri,
in un mese e mezzo di attività del sito abbiamo totalizzato più di 1100 visite, un buon risultato. Ma i contenuti proposti fino ad ora non sono esattamente quelli che il sito, nelle sue intenzioni, vuole accogliere. Cioè, non solo questi. Infatti dopo questo mese e mezzo “sperimentale” è giunto il momento di attivare il database delle relazioni e il fourm, cose che ritengo le più interessanti.
Si procederà un passo alla volta, ci vorrà un po’ di tempo prima che tutto funzioni a regime, servirà solo un po’ di pazienza e, anche, il vostro contributo nell’inviare (se ne avete voglia e/o tempo) le relazioni o semplicemente i racconti e le foto delle vostre gite.
Avete presente gulliver? Ecco, col tempo si spera di giungere a qualcosa di simile, con la differenza che le gite e le foto inserite sono quelle di noi ramarri.

Per dare il buon esempio, nei giorni a seguire caricherò alcune mie relazioni, tra cui:

Gran Paradiso - Normale dal rif. Vittorio Emanuele

Torre Germana - Spigolo Boccalatte

Parete dei Militi - Via De Albertis

Falesie: Simplon Dorf, Montestrutto, Bourcet e, naturalmente Gavi, Guardamonte, Albedosa…

21.07.2009

Patrick Berhault, ancora

di Giacomo F. Lombardi

Un altro video che ritrae Patrick Berhault, un video forse ancora più impressionante del precedente. Confesso di essermi fermato a guardarlo e riguardarlo, per carpire i segreti della sua eleganza… e voi?

13.07.2009

Siamo mica qui per divertirci!

di Giacomo F. Lombardi



Segnaliamo un divertente libretto a fumetti, il cui titolo è “Siamo mica qui per divertirci!” e che, nelle parole dell’autore:

“[...] trae spunto da una espressione che circola da anni nel mondo dell’arrampicata e che ben riassume la tendenza a prendersi un po’ troppo sul serio.”

“Tic, nevrosi, isterismi, usi, costumi, intolleranze, atteggiamenti e manie della “tribu’ verticale” vengono smascherate e offerte al pubblico con un sorriso, per riappropriarsi di quello spirito e di quella leggerezza di cui tutti abbiamo bisogno…”

Per acquistare il volume o semplicemente visionare alcune vignette, andare sul sito www.caiocomix.com

07.07.2009

Metamorfosi

di Giacomo F. Lombardi

Un video davvero insolito che ritrae lo stile, l’eleganza e la meravigliosa pazzia di Patrick Berhault. Dopo averlo visto, non venitemi a dire che con le scarpette bagnate non si arrampica…

03.07.2009

ALP #257 - giugno-luglio 2009

di Giacomo F. Lombardi

Con questo articolo inauguriamo la rubrica “Rassegna stampa”, dedicata alla presentazione dei contenuti delle riviste di montagna più importanti. Incominciamo con ALP, numero 257.

Finalmente un numero dove non c’è traccia di scialpinismo. Non me ne vogliano gli amici sciatori se la trovo un’attività bella da praticare ma terribilmente noiosa da leggere.
ALP #257, dicevamo; guardando al cuore della rivista, gli articoli sostanziosi da pagina 28 a pagina 100, ci troviamo di fronte ad alcune belle proposte: una presentazione (sì, ancora una) di Adam Ondra; un reportage e una scelta di vie di roccia sul Bianco e sul Rosa da pagina 36 a pagina 71 con un’intervista a Michel Piola, l’instancabile chiodatore del Bianco, e una serie di mini relazioni-proposte delle vie più belle; un bell’articolo su torrentismo e golismo che per molti, come me, può risultare una piacevole incursione in un ambito poco conosciuto. Anche quest’ultimo articolo si conclude con una serie di proposte di forre da percorrere in giro per l’Italia. Per concludere un’intervista a Simon Anthamatten.

Un bel numero, insomma, da comprare e da conservare. Finora ho parlato del corpo centrale della rivista, ma c’è tutta quella serie di piccole rubriche fisse, di articoletti da mezza pagina che spesso vengono trascurati dal lettore distratto. Invece, a mio avviso, celano sovente belle sorprese; infatti, a differenza degli articoli “vetrina”, in queste rubrichette fatte di semplici parole e poche, se non nessuna, fotografia è possibile trovare gli articoli più riflessivi e meglio scritti. Per carità, si tratta di una rivista di arrampicata e non di filosofia, eppure mi pare che la virtù della parola scritta, e scritta bene, sia da difendere e conservare: le foto spettacolari di Adam Ondra si possono guardare distrattamente anche in bagno, per altri articoli, meno “visivi”, occorre la giusta attenzione. Appunto quello che nel lettore di riviste è sempre meno presente e che le riviste stesse, chi più, chi meno, assecondano troppo facilmente.

Scarica editoriale e sommario dei contenuti.

Pagina successiva »